AVIS Comunale di Bibbiano ODV
Codice fiscale: 91016380353

Reg. Regionale del Volontariato: ODV 

Indirizzo

Via XXIV Maggio, 49 - Barco di Bibbiano (Reggio Emilia)

E-mail:
info@avisbibbiano.it

  • Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • Instagram - White Circle

© 2017 AVIS Comunale di Bibbiano ODV   |   Sito Web  Realizzato con il contributo di  Pro Loco Bibbiano

Please reload

Post recenti

Assemblea annuale 2019

05/03/2019

 

Nell’anno che segna il “giro di boa” del nostro mandato, iniziato nel 2017, i dati ci mostrano un aumento ragionevole del numero dei donatori (da 130 a 142: + 9%) e in particolare delle donne (+ 18%). I nuovi donatori iscritti sono soprattutto giovani o giovanissimi (6 tra i 18 e i 25 anni, 5 tra i 26 e i 35, 4 tra i 36 e i 45), a fronte di un numero limitato di donatori dimessi. Questo passaggio si rivela molto importante per la sostenibilità di medio-lungo periodo, considerando anche l’adattamento crescente della donazione di plasma, oggi sempre più importante e a cui tutta Italia non è ancora pronta (+ 16%). Fondamentale in questa direzione la sensibilizzazione di donatori e cittadini sull’importanza della plasmaferesi, che da sempre porta erroneamente l’etichetta di donazione di “serie b”.

Anche il Centro Prelievi “Val d’Enza” nel suo insieme vede confermare questo trend di crescita consolidata (+ 8%), con un’attenzione particolare al plasma (+ 24%).

 

 

Il nostro bilancio consuntivo 2018 mostra attività in aumento (€ 18.600) in proporzione maggiore rispetto alle passività: questo è sinonimo di aver ampliato e incrementato le entrate, spendendole meglio rispetto al passato, anche grazie a un’attenta spending review su quelle attività più onerose e costanti nel tempo che ci permetteranno di avere un avanzo stabile nei prossimi esercizi a parità di entrate.

Di buona portata anche la parte di investimenti (da € 400 a €1.500): soldi utilizzati pensando al nostro futuro e non solo al presente.

 

 

Il 2018 è stato anche l’anno del ritorno in campo della “Festa del donatore” (8,9, 10 giugno), un grande successo per tutto il mondo avisino, merito soprattutto dei tanti volontari presenti prima, durante e dopo la nostra festa e delle tante persone che hanno deciso di trascorrere del tempo con e per noi, partecipando. Dopo due anni di assenza, abbiamo voluto sperimentare anche l’introduzione di una terza serata (venerdì) che ci permettesse di ampliare maggiormente e con più efficacia il nostro pubblico, pensando ai più giovani. Durante questi tre giorni abbiamo ottenuto grandi risultati in termini di presenze, visibilità e anche economici.

 

 

E’ stato anche l’anno dell’introduzione dei progetti nelle scuole (che vedrà la copertura definitiva del 100% degli alunni nel 2019):

  1. scuole elementari: progetto sulle classi quinte (per ora solamente scuola statale “Neria Secchi”) che punta sulla parte associativa e sociale di AVIS (dono, solidarietà, volontariato…) con un incontro nelle classi in cui si cerca di far vivere ai bambini l’emozione e le sensazioni positive che si hanno quando si fa del bene agli altri;

  2. scuole medie: progetto sulle classi seconde (per ora solamente scuola statale “Dante Alighieri”) che punta sia sulla parte associativa, ma soprattutto su quella scientifica (pressione arteriosa, gruppi sanguigni, donazione, stili di vita, componenti del sangue…) con un incontro preliminare nelle classi e la visita del Centro Prelievi (più interattiva) accompagnata anche dalla scoperta del mondo, complementare al nostro, della Croce Arancione (di Montecchio Emilia) con cui si è aperta una bella e proficua collaborazione;

  3. scuole superiori: progetto in collaborazione con AVIS Montecchio Emilia e AVIS Reggio Emilia.

La copertura scolastica delle scuole elementari e medie è stata del 60% con un investimento a carico di AVIS di € 900, con 8 classi e 185 tra bambini e ragazzi coinvolti.

 

 

Sul lato dello sport abbiamo iniziato ad aprire alcuni canali con le associazioni sportive (da confermare, ampliare per poi arrivare a qualcosa di concreto nel 2019).

L’azione propositiva che abbiamo messo in campo è stata quella di definire alcune convenzioni ad hoc per i donatori e i volontari di AVIS per mettere concretamente insieme tre punti su cui da subito abbiamo iniziato a puntare: Sport, Salute, Vita. Queste due convenzioni sono state sottoscritte con due società del territorio: Calypso di Bibbiano (10% di sconto) e Dynamica di Montecchio Emilia (15%). Non escludiamo nel tempo di ampliare il numero di offerte per i nostri associati.

Abbiamo anche partecipato ai “Gruppi di cammino” organizzati dall’Assessorato all’Ambiente del Comune di Bibbiano con gli obiettivi di sensibilizzare i cittadini verso la cultura di una vita sana e la condivisione di questi momenti con le altre persone.

 

 

L’ultimo tema su cui abbiamo iniziato seriamente a lavorare, che nelle nostre considerazioni viene per primo perché dovrà per forza essere la chiave di volta per assicurare e garantire la sostenibilità di lungo periodo dell’associazione stessa, è quello dei giovani. Diverse sono state le iniziative ad hoc per aprirci a un mondo tanto difficile da intercettare quanto importante, che però ci sta dando sin da subito grandi soddisfazioni in termini di iscrizioni (vedi sopra):

  • Concerto dell’Orchestra Giovanile di Quattro Castella, tenutosi al Cinema Metropolis, con cui abbiamo collaborato insieme anche ad ADMO, preceduto da un aperitivo per parlare della donazione di sangue, di midollo e di organi;

  • 2 giugno (Festa della legalità e solidarietà): grazie all’opportunità dataci dall’amministrazione comunale e alla collaborazione con ANPI abbiamo potuto distribuire a tutti i neo diciottenni la nostra maglietta, simbolo dell’unità e del gioco di squadra di AVIS;

  • Festa del donatore: la programmazione del venerdì sera è stata dedicata totalmente ai nostri giovani;

  • Notte Liffa: in collaborazione con AUSER e PRO LOCO.

     

 

Il 2018 è stato certamente un anno difficile che ci ha visto ampliare il programma complessivo di AVIS, ma è stato anche un anno di grandi soddisfazioni e di traguardi importanti a partire dalla crescita dei nuovi donatori e dalla stabilizzazione del conto economico della nostra AVIS.

Il 2019 dovrà per forza essere l’anno della definitiva consacrazione della nostra associazione, che ci riporti finalmente verso un numero di donatori importante, confermando la visibilità, i rapporti con il resto del mondo associativo che ci gira intorno e il rilancio forte e concreto della nostra attività nello sport della nostra comunità.

 

Share on Facebook
Please reload

Please reload

Archivio